section header

section breadcrumb

section page title

Raccolta pareri Consiglio di Stato

section main content

CONSIGLIO DI STATO parere 4 giugno 2014 n 3050

01 Eccezioni Preliminari01.01 Inammissibilità01.01.07 Difetto di giurisdizione

REPUBBLICA ITALIANA
Consiglio di Stato
Sezione Prima
Adunanza di Sezione del 4 giugno 2014

NUMERO AFFARE 03050/2013

OGGETTO:
Ministero dell’interno.
 
Ricorso straordinario al Presidente della Repubblica proposto dalla signora Pola Poletto, domiciliata a Firenze, per l’annullamento della determinazione del comune di Firenze, ufficio per i servizi sociali e lo sport, 15 ottobre 2010 n. 8842, avente ad oggetto l’esclusione della ricorrente dalla nomina a responsabile di posizione organizzativa.
LA SEZIONE
Vista la relazione 29 luglio 2013 n. 11293 con la quale il ministero dell’interno, dipartimento per gli affari interni e territoriali, ha chiesto il parere del Consiglio di Stato sul ricorso;
visto il ricorso, notificato l’8 febbraio 2011 al comune di Firenze ed all’azienda unità sanitaria locale n. 10 di Firenze;
esaminati gli atti e udito il relatore, consigliere Hans Zelger.
 
 
Premesso:
La signora Pola Poletto, dipendente del comune di Firenze, ha partecipato alla selezione indetta per il conferimento dell’incarico di responsabile dell’ufficio denominato “posizione organizzativa osservatorio sociosanitario società della salute”. Con il provvedimento del direttore servizi sociali e sport del comune di Firenze 15 ottobre 2010 n. 2010/DD/08852 tale incarico è stato attribuito alla controinteressata dottoressa Fabiola Mila Ganucci.
Con il ricorso straordinario in esame ha impugnato, per quanto di spettanza, questo provvedimento nonché le presupposte deliberazioni della giunta comunale 17 novembre 2009 n. 560 (indirizzi in materia di posizioni organizzative) e 22 dicembre 2009 n. 608 (approvazione dei criteri per il conferimento degl’incarichi di posizione organizzativa dell’ente). Impugna anche l’atto del direttore generale del 29 luglio 2010 n. 37 (bando di conferimento d’incarichi), l’informativa dell’8 luglio 2010 dell’azienda sanitaria di Firenze ed il provvedimento dirigenziale del 29 ottobre 2010 del direttore dei servizi sociali e sport del comune di Firenze.
Il ministero ha concluso per l’inammissibilità del ricorso, a termini dell’articolo 7, comma 8, del codice del processo amministrativo emanato con decreto legislativo 2 luglio 2010 n. 104, secondo cui «Il ricorso straordinario è ammesso unicamente per le controversie devolute alla giurisdizione amministrativa».
 
 
Considerato:
Ai sensi dell’art. 29 decreto legislativo 31 marzo 1998 n. 80, ora articoli 63 e 69 del decreto legislativo 30 marzo 2001 n. 165, rientra nella giurisdizione del giudice ordinario la controversia avente ad oggetto l’espletamento di un concorso interno per il passaggio da una posizione ad altra nell’ambito della stessa area.
In applicazione dell’art. 7, comma 8, del decreto legislativo 2 luglio 2010 n. 104 il ricorso deve pertanto essere dichiarato inammissibile, essendo i ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica proponibili unicamente per le controversie devolute alla giurisdizione amministrativa.
P.Q.M.
esprime il parere che il ricorso debba essere dichiarato inammissibile.
 
 
 
 
 

     
     
L'ESTENSORE IL PRESIDENTE
Hans Zelger Raffaele Carboni
     
     
     
     

IL SEGRETARIO
Francesca Albanesi